News

3 Giugno 2010

Equiparare età delle donne nella P.A.

Pensioni, ultimatum Ue all'Italia. La commissione lancia l ultimatum all Italia

La Commissione Ue lancia l'ultimatum all'Italia: bisogna equiparare immediatamente l'età pensionabile tra uomini e donne nel settore pubblico, oppure ci sarà nuovamente un deferimento alla Corte di giustizia europea. L'avvertimento, riferisce l'agenzia Ansa, è contenuto in una nuova lettera che Bruxelles ha inviato alle autorità italiane, chiedendo loro di adeguarsi al più presto alla sentenza della Corte europea di giustizia del 2008.

Il primo passo da fare dunque per il nostro Paese è quello di equiparare l'età pensionabile delle donne a quella degli uomini nel settore della Pubblica amministrazione, portandola a 65 anni, lo stesso livello previsto per i maschi.

Nella missiva, sempre secondo quanto riferisce l'Ansa, si chiedono inoltre spiegazioni sui ritardi nell'adeguarsi alle normative richieste e si sottolinea come la questione sia rimasta irrisolta dopo i tanti richiami succedutisi negli anni.

Poco è cambiato dunque nel nostro Paese nonostante nel giugno 2009 Bruxelles abbia aperto una nuova procedura di infrazione nei confronti del nostro Paese proprio per la mancata attuazione della sentenza della Corte.

Sacconi incontrerà la commissaria Reading
Il ministro del Lavoro Maurizio Sacconi incontrerà lunedì a Lussemburgo la commissaria Viviane Reding proprio per discutere sulla richiesta europea di ridurre la gradualità nel pensionamento delle donne del pubblico impiego. Lo ha annunciato lo stesso ministro in occasione della missione di sistema in Cina: "Cercherò di agire al meglio per una soluzione che sia definitiva", ha detto il ministro.