News

29 Dicembre 2010

Istat, cresce indebitamento famiglie

Istat, cresce indebitamento famiglie "Una su tre fatica con spese inattese"

Famiglie sempre più in difficoltà a causa dell'indebitamento. A dirlo il rapporto "Distribuzione del reddito e condizioni di vita in Italia" dell'Istat. Secondo il rapporto nel 2009 infatti le famiglie che non possono far fronte a spese impreviste di 750 euro sono aumentate dal 32% al 33,3%. Rispetto al 2008 inoltre sono più indebitate (dal 14,8 al 16,5%) e sono in arretrato con debiti diversi dal mutuo (dal 10,5 al 14%).

Il disagio si conferma molto più elevato tra le famiglie con cinque componenti o più (25,8%), residenti nel Mezzogiorno (25,1%) e tra le famiglie con tre o più minori (27,1%). Rispetto al 2008, comunque, si evidenziano alcuni miglioramenti imputabili alla favorevole dinamica delle retribuzioni e dei prezzi: in particolare, si riduce la percentuale di famiglie che riferiscono di arrivare a fine mese con grande difficoltà (dal 17,3 al 15,3%), quelle in arretrato con il pagamento delle bollette (dal 12 al 9,2%) e quelle che sono state state in ritardo con il pagamento delle rate dell'affitto o del mutuo (dal 11,3 al 10,1% sul totale delle famiglie che vivono in affitto o hanno un mutuo).

Stangata per il 2011
Proprio martedì l'Adusbef e Federconsumatori avevano annunciato l'arrivo di una stangata, tra rincari di alimentari, benzina, tariffe, assicurazioni e servizi bancari, di 1.016 euro annui a famiglia.

"Il 2011 si prospetta come un anno infelice: sia dal punto di vista della crisi economica che, se non adeguatamente affrontata, non permetterà di raggiungere nemmeno l'1% di crescita del Pil, sia dal punto di vista dei rincari in arrivo dal primo gennaio 2011, che contribuiranno a ridurre ulteriormente il potere di acquisto delle famiglie", avevano denunciato le due associazioni.