News

12 Novembre 2019

Il pianeta terra rischia la scomparsa

Nel 2050 la Terra destinata a collassare per colpa del cambiamento climatico

La Terra a causa del cambiamento climatico è destinata a scomparire nel 2050, ancora trenta anni e gli ecosistemi terrestri crolleranno, dall’Artico all’Amazzonia fino alla Barriera corallina. E’ il quadro che emerge dallo studio del National Center for Climate Restoration di Melbourne "Enormi ondate di calore nel 35% della superficie terrestre, occupata dal 55% della popolazione mondiale, potrebbero investire la terra per quasi un mese all’anno. Insomma, il 30% della superficie terrestre, potrebbe essere destinata a diventare arida” - dice un Esperto del Nationl Center - “le zone del Mediterraneo, dell’Asia occidentale, del Medio Oriente, del sud-ovest degli Usa e dell’entroterra australiano potrebbero diventare inabitabili; la scarsità di acqua finirebbe per affliggere due miliardi di persone e l’agricoltura mondiale imploderebbe". Ma la cosa più allarmante è che sono le città densamente popolate - come Mumbai, Giacarta, Hong Kong, Canton, Shanghai, Bangkok e Manila – quelle più a rischio e già stanno avvertendo il continuo innalzamento del livello del mare. Prevedere quello che ci aspetta non è difficile: “Nei prossimi decenni l'umanità si troverà ad affrontare le sfide più grandi mai incontrate. Bisogna agire più velocemente possibile per evitare una catastrofe che si presenta davvero troppo presto”.