News

14 Giugno 2011

Compravendite case, nuovo calo nel 2010

2010 chiude negativo, ribasso operazioni dello 0, 5%

Il mercato immobiliare manca l'appuntamento con la ripresa: anche il 2010 chiude in negativo, registrando complessivamente 817.963 compravendite, lo 0,5% in meno rispetto al 2009. Lo rileva l'Istat, sottolineando la battuta d'arresto dell'ultima parte dell'anno: "Nel quarto trimestre 2010 le convenzioni relative a compravendite di unità immobiliari sono risultate pari a 231.162, in calo del 3,3% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente". Si conferma quindi, evidenzia l'Istituto, "l'andamento negativo già rilevato nel trimestre precedente, dopo i segnali di ripresa emersi nei primi sei mesi dell'anno".

Il 92,6% delle convenzioni effettuate nel quarto trimestre 2010 riguarda immobili ad uso abitazione ed accessori, il 6,6% (15.204) unità immobiliari ad uso economico, spiega l'Istat. E aggiunge: "Per la prima tipologia si osserva, come per il terzo trimestre, una diminuzione tendenziale pari al 3,1%, dopo la fase di crescita che aveva caratterizzato il primo semestre dell'anno". Per le compravendite di immobili ad uso economico, che segnano un calo del 4,2% rispetto al quarto trimestre 2009, "l'andamento è risultato negativo in tutti i trimestri del 2010". Considerando l'intero anno 2010, gli scambi sul residenziale sono diminuiti dello 0,1% rispetto al 2009, quelle concernenti unità immobiliari adibite ad uso economico del 6,1%. "Rapportando il volume delle transazioni realizzate nel 2010 a quello del 2006, ultimo anno prima della fase di discesa, emerge un calo del 26,5% per il totale delle compravendite, del 26,2% per quelle di abitazioni e del 27,7% per quelle di unità immobiliari ad uso economico", sottolinea l'Istat.

MUTUI IN CRESCITA IN 2010 (+1,8%) - Nel 2010 sono stati stipulati, complessivamente, 772.664 mutui, con un aumento dell'1,8% rispetto all'anno precedente. Lo rileva l'Istat nel rapporto sul mercato immobiliare, sottolineando, tuttavia un calo nell'ultimo trimestre dell'anno: "Il numero totale dei mutui è diminuito del 5,6% rispetto al quarto trimestre 2009".