News

13 Gennaio 2012

Melania, la procura ha chiuso l'inchiesta

Chiesto il giudizio immediato per Parolisi. Il caporal maggiore è accusato di omicidio pluriaggravato e vilipendio di cadavere

Dopo nove mesi di indagini, la procura di Teramo ha chiuso l'inchiesta sull'omicidio di Melania Rea e chiesto il giudizio immediato per Salvatore Parolisi. Lo rivela il quotidiano "Il Centro". L'accusa a carico del caporal maggiore, unico imputato, è di omicidio pluriaggravato e vilipendio di cadavere. Per gli inquirenti non ci sarebbero complici per il delitto del bosco di Ripe di Civitella, né oscuri retroscena legati alla caserma di Ascoli Piceno.
Stando al quotidiano, a Parolisi la procura contesta anche tre aggravanti: la crudeltà, il rapporto di parentela con la vittima e la minorata difesa alla quale Melania è stata sottoposta prima di essere uccisa con 32 pugnalate, nessuna delle quali è stata mortale, ma che nell'insieme l'hanno uccisa per emmoragia.

Ora il gip, Giovanni de Rensis, avrà cinque giorni di tempo per decidere se accettare la richiesta del procuratore Gabriele Ferretti e dai sostituti Davide Rosati e Greta Aloisi.