News

27 Gennaio 2012

Il Sole si Spense-Shoah e il ricordo

Gocce culturali in Sardegna per non Dimenticare

La scelta della data ricorda il 27 gennaio 1945 e rivelano la scoperta di Auschwitz e le testimonianze dei sopravvissuti dimostrano compiutamente per la prima volta al mondo l'orrore del genocidio nazista. Così la legge:


'La Repubblica italiana riconosce il giorno 27 gennaio, data dell'abbattimento dei cancelli di Auschwitz, 'Giorno della Memoria', al fine di ricordare la Shoah (sterminio del popolo ebraico), le leggi razziali, la persecuzione italiana dei cittadini ebrei, gli italiani che hanno subìto la deportazione, la prigionia, la morte, nonché coloro che, anche in campi e schieramenti diversi, si sono opposti al progetto di sterminio, ed a rischio della propria vita hanno salvato altre vite e protetto i perseguitati'.

Il giorno della memoria è una ricorrenza, istituita con la legge 211 del 20 Luglio 2000 dal Parlamento italiano con la quale l’Italia ha aderito alla proposta internazionale di celebrare questo giorno in commemorazione delle vittime del nazionalsocialismo e del fascismo, dell'Olocausto e in onore di coloro che a rischio della propria vita hanno protetto i perseguitati.

Si ricorda la Shoah (sterminio del popolo ebraico), le leggi razziali, gli italiani che hanno subito dolorosamente la prigionia e la deportazione, nonché coloro che, sebbene in campi e schieramenti differenti, si sono opposti allo sterminio mettendo in gioco la propria esistenza, hanno salvato concretamente e altruisticamente altre vite e protetto coloro che ingiustamente sono stati perseguitati. Anche quest'anno le diverse Amministrazione Comunali in Sardegna ma non solo propongono una serie di iniziative per ricordare la Shoah: mostre, proiezioni, incontri e iniziative con le scuole, oltre ad essere un doveroso tributo alle vittime innocenti della follia nazista, rappresentano un momento di riflessione, un invito a rispondere alle sollecitazioni del presente con civiltà, valorizzando il senso della varietà umana, affinché la barbarie non riprenda mai più il sopravvento sulla razionalità.

MONSERRATO- Il Comune di Monserrato nella provincia di Cagliari con l’ausilio e la partecipazione attiva delle scuole, della Monserratoteca, del Circolo del Cinema ‘Nuovo Pubblico’, delle Associazioni ‘Giuseppe Verdi’, ‘Gli altri siamo Noi”, Memoriale Sardo della Shoah, ARKOIRIS, l’ANPI e dell’Associazione Contro l’Emarginazione, tutti impegnati per tenere viva la memoria di quei tragici ed indicibili eventi e per lavorare per un futuro diverso fatto di pace e solidarietà tra i popoli, hanno organizzato un programma di iniziative culturali.
In dettaglio il programma per quanto concerne l’Amministrazione pubblica di Monserrato:

Venerdì 27 gennaio, ore 09,30 – Istituto comprensivo ‘Alberto La Marmora’:
Tutti i PLESSI scolastici di Via Tonara/Argentina/San G.Monreale sono coinvolti in un programma che prevede rispettivamente: visione dei film ( Il bambino con il pigiama a righe – Train de vie – Mi ricordo Anna Frank ) e canti curati dal prof. Piludu. Allestimento Mostra sullo sterminio nazista in Europa dell’Associazione Nazionale ex Deportati presso la sede di via Argentina.


ore 09,30 – Istituto Tecnico Industriale ‘Dionigi Scano’, Aula Magna,Via Cesare Cabras.
IL GHETTO DI VARSAVIA, una storia per il futuro: MEMORIE IN COMUNE, libro e documentario curato da Pupa Garribba e prodotto dal Circolo Gianni Bosio e Mitinitaly.


ore 09,30 – Istituto Tecnico Commerciale ‘Fabio Besta’, Via Cesare Cabras
Proiezione del documentario “Per non dimenticare”, in collaborazione con l’Associazione ‘GLI ALTRI SIAMO NOI’. Dibattito e a seguire la compilazione di un questionario sul tema.

Sabato 28 gennaio, ore 19,30 – Circolo ‘Giuseppe Verdi’, Via Traiano 17
CONCERTO PER LA GIORNATA DELLA MEMORIA: racconto di suoni, musiche da film per piano solo con il maestro Giuseppe Maggiolo Novella.

Martedì 31 gennaio, ore 11,15 – Istituto Comprensivo ‘Cesare Cabras’
Tutti i PLESSI scolastici di Via Monte Linas/Arquerì/Tito Livio sono coinvolti nel ricordare con letture di brani, poesie, canti, visione e discussione di film le barbarie del nazismo verso i “diversi”: dagli ebrei agli zingari, dagli omosessuali ai disabili, dai prigionieri politici ai Testimoni di Geova.


ore 11,30 – Istituto Alberghiero ‘Antonio Gramsci’, Via Decio Mure
Film documentario ‘A forza di essere vento, lo sterminio nazista degli zingari’: presenzierà la sociologa Valentina Bifulco, esperta in cultura zingara.

CAGLIARI- Una giornata di incontri presso l'Aula magna del Corpo aggiunto delle Facoltà Umanistiche in via Is Mirrionis 1, in mattinata la presentazione del libro e documentario 'Memorie in Comune', nel pomeriggio, alle 15,30, si terrà l'incontro dibattito 'Il Ghetto di Varsavia. Una storia per il futuro', interverranno: Enzo Collotti, tra i massimi studiosi a livello europeo del nazismo, del fascismo e della Shoah; Pupa Garribba, scrittrice e intervistatrice della 'Shoah Foundation'; Francesco Bachis, studioso di antropologia e musicista (fonte: unica.it).


Musica Ebraica a Monte Claro: Presso la Sala polifunzionale del Parco di Monte Claro infatti, andrà in scena alle ore 17:00 il Klezmer Ensemble, composto da Mario Gullì clarinetto, Raffaele Podda fisarmonica, Diego Deiana violino e Andrea Lai contrabbasso, che promuove la tradizione popolare musicale ebraica (fonte: L'Unione Sarda).


La Giornata della Memoria a Teatro: con la Compagnia il Crogiuolo che alle ore 21:00, presso l'Arco Studio di Cagliari, presenta 'La Shoa in Italia', lettura dai libri di memorie e accompagnate con musica di Clara Murtas. Mentre alla vetreria di Pirri, Cada Die Teatro presenta, sempre alle ore 21:00, 'L'ultima regia di Hoffmann Sandor' di Luigi Alcide Fusani con Alessandro Mascia e Pierpaolo Piludu, regia di Silvestro Ziccardi (fonte e dettagli: Sito Ufficiale e Facebook di Cada Die Teatro).


Due giorni di incontri anche a Villasor, il 27 e 28 Gennaio 2012, prima con una performance teatrale e musicale degli alunni della scuola secondario, il giorno successivo un interessantissimo convegno e uno spettacolo teatrale, qui tutti i dettagli.

NUORO- Presso il Man di Nuoro si svolgerà alle ore 16:00 l'incontro 'Per non dimenticare', con letture tratte da 'Shoah gli ebrei e la catastrofe', libro dedicato alla memoria dell'Olocausto oltre che alla ricerca di contatti col lavoro di Bresson (fonte:L'Unione Sarda).


Fonni, il 28 Gennaio 2012, quindi il giorno dopo la data ufficiale del Giorno della Memoria, verrà proiettato il film 'Vento di primavera' di Rose Bosch, con Jean Reno Mélanie Laurent Gad Elmaleh presso il centro di Aggregazione Sociale 'Don Muntoni'. Ingresso Gratuito.

ORISTANO- Giorno della memoria: Olocausto/Omocausto, dalle 16:30 presso Centro Servizi Culturali UNLA di via Carpaccio 9 ad Oristano, l'istituto comprensivo di Cabras presenta i cortometraggi: 'Se intorno a voi costruissero un muro' (realizzato dai ragazzi delle quinte elementari) e 'La Valigia Segreta' (realizzato dalla terza B della scuola media); Silvana Cintorino, presidente particorali introduce il 'Paragrafo 175' e infine Alessandro Melis della compagnia Hanife Ana teatrojazz legge brani dal libro 'Io, Poerre Seel, Deportato omossessuale' (fonte: Facebook).


Olocausto ed Arte: Presso la Biblioteca comunale di Villa Verde infatti, a partire dalle ore 18:15 parte 'letture e altro' e continuerà 'Alla Lavagna Aristi!' che in questa particolare occasione vedrà all' opera l'artista Marco Pili (fonte: Facebook).

SASSARI- Al Palazzo di Città di Sassari va in scena lo spettacolo 'Zufinf ...tanto è una fiaba' dedicato al dramma della Shoah e rivolto ai bambini delle scuole elementari di Sassari, a partire da oggi Mercoledì 25 fino a Venerdì 27 Gennaio 2012 (fonte: Paradisola).

A Erula serata intitolata 'La Giornata della Memoria' a partire dalle ore 18:00, con relazioni storiche, video, lettura poesie e presentazione del libro 'La Marcia di Luigi' (fonte: Facebook).


A Tula, ma il Lunedì 30 Gennaio 2011, presso la scuola media si festeggerà la 'Giornata della Memoria' con due interessanti eventi, alle 9.00, nel cortile, è prevista la realizzazione di un roseto in ricordo dei venti bambini ebrei, provenienti da tutta Europa, che il 20 aprile 1945 furono uccisi dalla follia nazista nella scuola amburghese di Bullenhuser Damm. A seguire la conferenza con Aldo Borghesi, direttore dell'Istituto Sardo per la Storia della Resistenza e dell'Autonomia.
Articolo di Maria Azzurra Lai