News

3 Febbraio 2012

Il Movimento dei forconi torna in azione

Il Movimento dei forconi torna in azione: blocco del carburante da lunedì fuori dalla Sicilia. Presidi davanti alle raffinerie

Dopo lo sciopero dei Tir e la protesta degli agricoltori, il Movimento dei forconi è pronto a tornare in piazza, attuando da lunedì presidi davanti alle raffinerie e davanti ai pontili degli impianti per non permettere l'imbarco di carburante che viene esportato fuori dalla Sicilia. La decisione è stata presa dopo la mancata convocazione del Movimento ai tavoli tecnici del governo.
Le iniziative sono state annunciate dal presidente del movimento, Mariano Ferro all'assemblea dei Forconi a Catania. "Non torneremo a fare i blocchi stradali in Sicilia - ha confermato - ma vogliamo portare avanti la nostra protesta". Per i forconi "l'obiettivo da raggiungere è l'applicazione dello Statuto Siciliano che prevede la defiscalizzazione della benzina". Ferro non ha escluso che il movimento possa costituire un partito e negato l'ipotesi di infiltrazioni mafiose nel movimento.

"Ci siamo stancati di essere presi in giro, vogliamo chiarezza, abbiamo saputo dei tavoli tecnici dalla stampa. Nessuno ci ha fatto sapere nulla. Non molliamo la protesta: non vogliamo fermare questa macchina che non si vedeva da secoli". Il leader ha anche attaccato il presidente della Regione siciliana: "Lombardo è scivolato su una buccia di banana dicendo che il nostro movimento ambisce alla ribalta con le telecamere e che ci stiamo divertendo, noi non abbiamo bisogno di divertirci, rappresentiamo una parte dei siciliani che lavora e non guadagna".